Where do you want to go?
Guests and rooms
...
EN | Cambia lingua Wish list find properties near you
Regions Tourist sites Points of interest Deals Last Minute
B&B Day
first weekend of march
The Barter Week
the third week of November
B&B Card
get a minimum 5% discount
Specials Points of interest B&B Europe
FAQ and contacts Disclaimer, Cookie Policy, Privacy
Italiano English Français Deutsch Español

Lavoratrici autonome dell'ospitalità in famiglia: motivazioni e percorsi delle proprietarie di bed & breakfast

di Silvia Lisanti
Università degli Studi di Milano-Bicocca
Facoltà di Sociologia
Corso di laurea in Scienze del turismo e comunità locale
Anno Accademico:
2012/2013
Relatore: Prof.ssa Ivana Fellini
Tesi di Laurea di: Silvia Lisanti
Matr. 740216

3.1 - Obiettivi, domande e disegno della ricerca sul campo

La ricerca sul campo ha l'obiettivo di esplorare in profondità le storie, i percorsi e le motivazioni che portano le donne ad avviare un'attività in proprio nel settore dell'ospitalità in famiglia. La volontà di indagare questi temi nasce dalla considerazione del fatto che il fenomeno dell'ospitalità famigliare, di cui il bed & breakfast rappresenta l'esempio più diffuso in Italia e all'estero, è una componente importante dell'offerta turistico-ricettiva a livello nazionale, ed è anche un settore nel quale la presenza imprenditoriale femminile è sovra-rappresentata. Inoltre, la particolarità del setting lavorativo che caratterizza le imprese dell'ospitalità famigliare, rappresenta un ulteriore motivo di interesse per il tema e un oggetto di indagine complementare al primo. Infatti la ricerca vuole portare alla luce, qualora esistesse, la relazione che intercorre tra la scelta imprenditoriale femminile nell'ospitalità famigliare e il setting in cui l'impresa prende vita, per verificare l'ipotesi, sostenuta in gran parte della letteratura raccolta, secondo la quale nei bed & breakfast gli stereotipi e i ruoli di genere vengono trasferiti dal contesto domestico al contesto lavorativo trasformando la scelta imprenditoriale femminile in una scelta rafforzativa delle costruzioni sociali basate sul genere, piuttosto che in una scelta emancipativa.
Sulla base di queste premesse, la ricerca sul campo raccoglie le esperienze dirette di alcune proprietarie di bed & breakfast della provincia di Monza e Brianza, nel tentativo di rispondere a due interrogativi: il primo è relativo alle variabili che determinano la loro decisione di diventare lavoratrici autonome nell'ospitalità famigliare; il secondo riguarda la connotazione di tale decisione, in relazione alla sovrapposizione del setting lavorativo con quello domestico.
Per studiare i fenomeni precedentemente descritti e raggiungere gli obbiettivi preposti è stato adottato il metodo della ricerca qualitativa, basata su una concezione aperta e del disegno di ricerca, da strumenti di rilevazione dei dati non standardizzati e diversi a seconda della convenienza del caso e da tecniche di analisi dei dati basate sull'interpretazione e la contestualizzazione (Corbetta, 1999). Il metodo qualitativo è stato ritenuto particolarmente adatto, in quanto permette di esplorare in modo approfondito il punto di vista e l'attitudine dei soggetti indagati in relazione al fenomeno studiato.
L'obbiettivo della ricerca qualitativa infatti è quello di "comprendere le persone", considerandole nella loro interezza e non come un insieme di variabili da scomporre, prospettiva propria della ricerca quantitativa. Per conoscere il fenomeno dal punto di vista delle persone che ne sono protagoniste, la ricerca qualitativa si concentra sui casi singoli, e non sui grandi numeri, considerando più importante l'aspetto della comprensione, piuttosto che l'aspetto della rappresentatività. Ne consegue che il ricercatore qualitativo è completamente immerso nella realtà dei soggetti da lui studiati, ed instaura con essi un rapporto empatico e fisico: il contatto tra ricercatore e soggetto studiato è infatti un elemento essenziale della ricerca qualitativa, in quanto dal linguaggio non verbale il ricercatore è in grado di ricavare una serie di informazioni aggiuntive che metodi di ricerca quantitativi non sarebbero in grado di rilevare.
Per quanto riguarda la tecnica di indagine, si è scelto di utilizzare l'intervista in profondità come strumento di rilevazione dei dati. Le partecipanti-intervistate sono state individuate in prima istanza attraverso internet, per mezzo dei siti web delle pro loco di alcuni comuni dell'area interessata, e per mezzo di alcuni portali web di aggregazione e/o prenotazione di strutture turistiche micro-ricettive (nello specifico i portali web consultati sono stati www.bed-and-breakfast.it, www.bebcommunity.it, www.airbnb.it). In questa fase è avvenuta la prima scrematura del campione: sono stati immediatamente scartati i bed & breakfast nel cui profilo veniva specificato il sesso maschile del gestore, mentre sono stati presi in considerazione quelli dove il gestore era specificatamente una donna oppure quelli dove il sesso del gestore non era specificato. Successivamente i bed & breakfast selezionati sono stati contattati telefonicamente. Ogni telefonata si è aperta con una breve presentazione personale seguita dalla domanda di routine "[...] Parlo con il/la proprietario/a del bed & breakfast?", il cui scopo è stato quello di accertare il sesso del proprietario del bed & breakfast; solo nei casi in cui i proprietari sono risultati donne, sono stati esplicitati il senso e gli obbiettivi della ricerca ed è stato chiesto alle interlocutrici se fossero disponibili a prendervi parte mediante un'intervista individuale. Nei casi in cui le interlocutrici hanno risposto positivamente sono stati concordati giorno e orario degli appuntamenti.
Altre potenziali partecipanti sono state indicate dalle intervistate alla fine dei colloqui individuali e contattate su loro suggerimento.