You are viewing the website in Italian. Switch to English.
Dove vuoi andare?
Ospiti e camere
...
IT | Cambia lingua Preferiti vicino a me
Regioni Località turistiche Punti d'interesse Offerte Last Minute
B&B Day
primo weekend di marzo
Settimana del Baratto
terza settimana di novembre
BarattoBB
baratto tutto l'anno in B&B
BB25
25 Euro tutto l'anno
B&B Card
richiedila gratis
Come aprire un B&B Mondo B&B Blog Magazine Turismo Speciali Eventi Fiere Punti d'interesse Suggerisci un evento Suggerisci un punto d'interesse Tesi universitarie sul B&B
(Guadagna 100 Euro)
Scopri i B&B migliori B&B Europa
FAQ e contatti Note legali, Cookie Policy, Privacy Area Riservata Gestori Inserisci la tua struttura
Italiano English Français Deutsch Español
  • Home
  • Blog Magazine Turismo
  • Home Restaurant, la proposta di legge approvata dalla Commissione rema contro lo sviluppo di questa attività

Home Restaurant, la proposta di legge approvata dalla Commissione rema contro lo sviluppo di questa attività

Home Restaurant, la proposta di legge approvata dalla Commissione rema contro lo sviluppo di questa attività

Nella proposta sono molti i vincoli e le restrizioni poste a chi intende sperimentarsi in questo settore, a partire dal pagamento accettato solo attraverso modalità elettroniche. Forti limiti anche nelle giornate di attività previste e negli introiti consentiti.

La versione della legge sull’Home Restaurant, approvata lo scorso 25 settembre dalla Commissione parlamentare Attività Produttive, segna pesantemente la rotta verso una chiusura riduzionistica e accentratrice delle attività connotate dallo spirito della sharing economy.

A fronte di un’attenzione molto alta da parte di migliaia di cittadini, che sono interessati a questa nuova forma di attività che coniuga la passione personale per l’enogastronomia con la possibilità di farne una, seppure parziale, attività economica, il Parlamento ha inteso tutelare in maniera evidente gli interessi della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), che più volte ha manifestato insofferenza nei confronti di aperture verso i nuovi modelli. Questo a fronte di direttive molto chiare dell’Europa. Solo qualche mese fa, a giugno 2016, Elzbieta Bienkowska, Commissaria responsabile per il Mercato interno, richiamava gli Stati membri sull’importanza di valorizzare e aiutare tutte le forme di economia collaborativa, lanciando addirittura un'"Agenda europea per l’economia collaborativa" che contribuisse a tale scopo.

Oggi purtroppo ci troviamo invece dinanzi a una legge che tende fortemente a frenare e ridimensionare queste possibilità. Lo dimostrano i dettagli della proposta approvata dalla Commissione, che continuerà il suo iter in Parlamento.

A chi volesse intraprendere l’attività di Home Restaurant, infatti, viene imposta la registrazione su “piattaforme tecnologiche” che acquisiranno i pagamenti, esclusivamente in forma elettronica, per loro conto. Inoltre si prescrive che l'attività di Home Restaurant - ovvero ogni pranzo e ogni cena servita e a chi - debba essere registrata dalle piattaforme tecnologiche in un apposito registro elettronico almeno trenta minuti prima della sua fruizione. Tali norme non trovano simile riscontro in nessun'altra attività, discriminando di fatto quella in oggetto. Ciò impedirà ai singoli gestori di Home Restaurant di promuoversi secondo propri canali in maniera autonoma.

Ci chiediamo quale sia la ragione di una misura così fortemente accentratrice, in barba anche ai pronunciamenti del Tar che aveva respinto alcune restrizioni relative all’attività dei B&B in quanto il regolamento sarebbe stato in contrasto con i principi di libera concorrenza e con i correlati principi di parità di trattamento e non discriminazione.
Riteniamo di essere dinanzi a un nuovo sopruso di questo genere.

A rendere più difficile lo svolgimento dell’attività di Home Restaurant, inoltre, i limiti imposti dal disegno di legge: ogni attività può usufruire di un massimo di 500 coperti all’anno, per una media di poco più di un coperto al giorno. Il limite economico, inoltre, sarebbe di 5 mila euro lorde per le somme conferite dagli ospiti.

Da anni operiamo nell’ambito dell’accoglienza e dell’ospitalità. Il nostro portale www.bed-and-breakfast.it accoglie oltre 16 mila strutture che negli ultimi dieci anni hanno fortemente contribuito allo sviluppo del settore turistico e dell’economia italiana. Molti di loro oggi sarebbero pronti a integrare l’offerta con l’attività di Home Restaurant se questa, come avviene negli altri paesi europei, richiedesse una dichiarazione di avviamento attività (SCIA) oltre alla necessaria assicurazione e certificazione HACCP, ma non avesse altri vincoli fortemente limitanti, come quelli previsti dall’attuale disegno di legge. In Inghilterra, ad esempio, l’attività di Home Restaurant è disciplinata dalle norme igieniche di somministrazione del cibo, ma non ha vincoli di ordine burocratico come in questo caso.

Auspichiamo, dunque, che l’attuale disegno di legge possa essere rimesso in discussione e sanato sui punti sopra esposti, per contribuire in maniera efficace alla crescita delle attività economiche di chi, con buona volontà, intende contribuire allo sviluppo dell’accoglienza turistica in Italia.

Link alla legge
http://www.homerestaurant.com/docs/LeggeHR1234.pdf

Link alle 4 Leggi presentate in precedenza, prima del loro accorpamento
http://www.homerestaurant.com/docs/HomeRestaurant-ConfrontoLeggi.pdf

Link sentenza del Tar
https://www.bed-and-breakfast.it/it/news/B&B-case-vacanza-niente-limiti-tar-lazio/1599

Link articolo "Commissione europea: vietato vietare la sharing economy. E’ un’occasione da non lasciarci sfuggire"
http://scorza.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/06/12/commissione-europea-vietato-vietare-la-sharing-economy-e’-un’occasione-da-non-lasciarci-sfuggire/

UFFICIO STAMPA
Clara Corallo
Tel.: 0932456623
Mail: press@bed-and-breakfast.it

Letture: 5065