You are viewing the website in Italian. Switch to English.
Dove vuoi andare?
Ospiti e camere
...
IT | Cambia lingua Preferiti vicino a me
Regioni Località turistiche Punti d'interesse Offerte Last Minute
B&B Day
primo weekend di marzo
Settimana del Baratto
terza settimana di novembre
BarattoBB
baratto tutto l'anno in B&B
BB25
25 Euro tutto l'anno
B&B Card
richiedila gratis
Come aprire un B&B Mondo B&B Blog Magazine Turismo Speciali Eventi Fiere Punti d'interesse Suggerisci un evento Suggerisci un punto d'interesse Tesi universitarie sul B&B
(Guadagna 100 Euro)
Scopri i B&B migliori B&B Europa
FAQ e contatti Note legali, Cookie Policy, Privacy Area Riservata Gestori Inserisci la tua struttura
Italiano English Français Deutsch Español
  • Home
  • Mondo B&B
  • Canone Rai 2021 abolito per strutture ricettive?

Canone Rai 2021 abolito per strutture ricettive?

Canone Rai 2021 abolito per strutture ricettive?

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

ORE 14:30 del 20 marzo 2021

L'ANSA ha appena pubblicato una nota del deputato Edoardo Rixi che recita: "Le strutture ricettive e i locali pubblici o aperti al pubblico sono esentati dal pagamento del canone Rai nel 2021. Un intervento chiesto e ottenuto dalla Lega per sostenere bar, alberghi e ristoranti colpiti dalla pandemia sanitaria. A chi lo avesse già pagato sarà riconosciuto un credito di imposta pari all'importo versato che non concorre alla formazione del reddito imponibile. Un piccolo aiuto, serve molto di più, ma che dimostra il cambio di passo e di filosofia con la Lega al governo per risposte pratiche".

La notizia, per tramite del Presidente dell'Associazione B&B Varese, Alfredo Dal Ferro, è stata confermata dall'Onorevole Leonardo Tarantino.

Non dovrebbero esserci dubbi sul fatto che l'esenzione è per tutte le strutture ricettive che pagano il canone Rai maggiorato, incluse quelle non imprenditoriali. Sarebbe assurdo il contrario.

Il pagamento del canone rai speciale per le strutture ricettive era stato prorogato al 31 marzo 2021; tuttavia è probabile che molte strutture lo avessero già pagato. Per queste sarà possibile ottenere un credito d'imposta. 

Il Dott. Sergio Lombardi, esperto di Taxbnb, interpellato, conferma che l'esenzione del pagamento del Canone Rai Speciale è presente nel Decreto Sostegni nella versione che verrà a breve pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Le modalità per richiedere il credito d'imposta non sono ancora note.

Di recente, erano stati presentati degli emendamenti al Decreto Milleproroghe e al ddl di conversione del Decreto Covid (2/2021), non approvati. Il testo era il medesimo nei due casi:  "1. In conseguenza della notevole riduzione di attività connessa all'emergenza epidemiologica da COVID-19, per le imprese turistico-ricettive è sospeso sino al 31 dicembre 2021 il pagamento del 100 per cento del canone di cui all'articolo 16 della legge 23 dicembre 1999 n. 488."

Nelle proposte precedenti, mancava la parte relativa alla compensazione, evidentemente aggiunta in queste ore nel Decreto Sostegni. Attendiamo la pubblicazione per informare sulle modalità di fruizione del credito che, probabilmente, dovrà essere completato con un codice tributo dell'Agenzia delle Entrate.

ORE 23:00 del 20 marzo 2021

Dalla bozza del DL bollinato emerge che si tratta invece di una riduzione del 30% e non dell'esenzione totale. Ecco il testo:

"5 , per le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico il canone di abbonamento alle radioaudizioni di cui al regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246, convertito dalla legge 4 giugno 1938, n. 880 è ridotto del 30 per cento."

"6. In relazione a quanto previsto dal comma 5, per il medesimo anno, è assegnata alla contabilità speciale n. 1778 intestata: "Agenzia delle Entrate - Fondi di bilancio", la somma di 25 milioni di euro, al fine di riconoscere ai soggetti interessati un credito di imposta pari al 30 per cento dell'eventuale versamento del canone di cui al comma 5 ente decreto, ovvero disporre il trasferimento a favore della RAI delle somme corrispondenti alle minori entrate derivanti dal presente articolo richieste dalla predetta società. Il credito di imposta di cui al presente comma non concorre alla formazione del reddito imponibile."

ORE 08:30 del 21 marzo 2021

Il Ministro Garavaglia pubblica un tweet in cui rassicura sull'esenzione al 100%

ORE 23:00 del 22 marzo 2021

Pubblicato il decreto nella Gazzetta ufficiale; confermata la riduzione del 30%.

Ricordiamo che un decreto legge entra in vigore immediatamente dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (o il giorno successivo), ma gli effetti prodotti possono essere provvisori, poiché i decreti-legge perdono efficacia (c.d. decadenza) se mancano di contenere la "clausola di presentazione al Parlamento per la conversione in legge", se il giorno stesso della promulgazione - o entro i cinque giorni seguenti - non sono presentati al Parlamento, e se il Parlamento stesso non li converte in legge entro 60 giorni dalla loro pubblicazione.

In teoria quindi, vista la promessa del Ministro dell'esenzione al 100% del canone Rai per le strutture ricettive, forse non è detta l'ultima parola.

Di certo c'è che la scadenza per il pagamento del canone rai è il 31 marzo. Probabilmente a breve arriverà una nuova proroga, per spostare in avanti il termine del 31 marzo, in attesa dell’esonero ufficiale e definitivo.

ORE 21:00 del 25 marzo 2021

Il consiglio d’amministrazione della Rai ha prorogato al 31 maggio il termine per il pagamento del canone speciale.

Ore 9:00 del 05 maggio 2021

È stato approvato un emendamento in commissione Bilancio e Finanze che azzera il canone rai speciale per il 2021.

Il Decreto Sostegni Bis però non è ancora in gazzetta ufficiale, quindi dovremo attenderne la pubblicazione che avverrà entro un paio di settimane per esserne certi al 100%.

Chi ha già pagato potrà richiedere il credito d'imposta. Questa procedura dovrà stabilirla l'agenzia delle entrate, cosa che ancora non mi sembra abbia ancora fatto.

21 maggio 2020

CONFERMATO ESONERO 100% CANONE RAI SPECIALE

Non si conoscono ancora le modalità di fruizione del credito d'imposta per chi ha già pagato.