You are viewing the website in Italian. Switch to English.
...
Home Blog Magazine Turismo Lago Maggiore e Lago d'Orta. Mini-guide per scoprire l'Italia
Lago Maggiore e Lago d'Orta. Mini-guide per scoprire l'Italia

Lago Maggiore e Lago d'Orta. Mini-guide per scoprire l'Italia

Aggiornato il
18 Marzo 2020
Categoria
Idee Week-End

Da oggi vi proporremo settimanalmente un itinerario di viaggio per i vostri weekend fuori porta, i ponti, le ricorrenze importanti da festeggiare, le fughe romantiche. Gli itinerari saranno delle mini guide di viaggio che avranno come protagonista l'immenso patrimonio storico, artistico e naturalistico italiano. Abbiamo pensato di farvi cosa gradita presentandovi, tra gli altri, itinerari di siti inseriti nel Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco cosi come siti che sono allo studio della commissione giudicante. Non mancheranno le principali destinazioni turistiche italiane, le città e i monumenti amati dagli stranieri. A poche ore di macchina dalle principali città italiane vi aspettano i tesori, noti e meno noti, del Bel Paese.

Il Lago Maggiore con il vicino e più piccolo Lago d'Orta è il primo itinerario di viaggio che vi suggeriamo per i prossimi weekend primaverili ed estivi. Il Lago Maggiore è il secondo per superficie in Italia dopo il Lago di Garda e sulle sue sponde insistono parecchi comuni mentre le rive sono condivise dall'Italia e dalla Svizzera, quest'ultima possiede il 20% della superficie del lago. Il Lago d'Orta è conosciuto invece come uno dei laghi più romantici d'Italia. E come negare che i laghi, piccoli o grandi che siano, non posseggano quell'alone di mistero e quel fascino che accarezza le corde degli innamorati?

Non solo: una vacanza al Lago è adatta anche agli sportivi o a chi vuole rilassarsi. Ci si può un mantenere in forma praticando numerosi sport (vela, windsurf, kayak, jogging) e, nella bella stagione, sono parecchi gli eventi che vengono organizzati sulle sponde dei laghi italiani.

Sul Lago d'Orta i centri principali sono Omegna e Orta San Giulio. Omegna è nota per la Festa di San Vito che si tiene in agosto e attira numerosi viaggiatori per assistere agli spettacolari fuochi d'artificio sul lago. Orta San Giulio è la perla de Lago d'Orta insieme alla piccola isola che la fronteggia. Ad Orta San Giulio ci si immerge in una atmosfera medievale con palazzi signorili, viuzze e tipiche costruzioni in pietra. L'Isola di San Giulio si raggiunge in battello dal porticciolo. Qui si potranno ammirare una chiesa romanica e un antico monastero.

Tra i luoghi più suggestivi del Lago d'Orta c'è il Sacro Monte che domina il lago. Il Sacro Monte conta 21 cappelle edificate tra le fine del sedicesimo e la fine del diciottesimo secolo con affreschi e sculture in terracotta. Dal 2003 i Sacri Monti di San Francesco a Orta, la Santissima Trinità di Ghiffa e il Monte Calvario di Domodossola sono stati inseriti nella Lista dei Beni Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Le opere pittoriche e scultoree costituiscono un vero e proprio patrimonio e furono realizzate da valenti artisti dell'epoca, tuttavia fanno parte integrante della visita al Sacro Monte anche gli aspetti naturalistici. Il Promontorio su cui sorge il Sacro Monte è costituito da rocce che si sono formate da ghiacciai quaternari, la flora si compone di specie sempreverdi e di essenze tipicamente montane tra le quali il mirtillo nero.

A completare il tour dell'area di questa "subregione" è la Val Strona con i suoi sette comuni. Borghi dove si sono conservate le tradizioni e la cultura del passato. I sette comuni della Val Stroma sono noti per la lavorazione del peltro, del rame, dell'ottone e soprattutto del legno. Una delle chicche di questa area è produzione di burattini di legno: il Pinocchio di Collodi viene realizzato da esperti artigiani e commercializzato in tutto il mondo.

Il Lago d'Orta ha dato i natali e ha affascinato numerosi scrittori e artisti. Originario del Lago d'Orta era Gianni Rodari che ambientò sul Lago alcune delle sue celebri opere: C'era due volte il Barone Lamberto e il Ragioniere-pesce del Cusio. A Gianni Rodari il Comune di Omegna ha dedicato un parco in un angolo con una splendida vista sul lago.

La parte alta del Lago Maggiore è caratterizzata dalla presenza di Cannobio, Cannero, Oggebbio e Ghiffa, cittadine immerse nel verde e dalle quali si gode di una spettacolare veduta sulle tre sponde del lago: quella svizzera, quella lombarda e quella piemontese. Da visitare, a Ghiffa, il Museo del Cappello per poi raggiungere il Sacro Monte della SS. Trinità con il suo complesso monumentale barocco. Da Cannero si scorgono i Castelli di Malpaga, isolotti rocciosi su due dei quali si trovano le rovine di antiche fortificazioni. Sugli isolotti si costruì tra lXI e il XII secolo e le costruzioni furono teatro di parecchi vicende storiche legate alle contese tra guelfi e ghibellini e tra importanti famiglie nobili della zona. Nel corso dei secoli gli isolotti divennero rifugio di contrabbandieri, furono utilizzati dai pescatori e furono scelti come sede da una banda di falsari.

La bellezza di questo territorio è data dal perfetto binomio tra natura e arte. Lungo tutta la litoranea, la Statale 34, si ammirano ville e giardini affacciate sul Lago mentre sulle montagne i contadini sono al lavoro per conservare tradizioni, usi e costumi. Da Cannobio si passa in Val Cannobina, una vallata estesa per 11.000 ettari a ridosso della sponda piemontese del Lago Maggiore, caratterizzata da un paesaggio variegato ed emozionante. L’ultimo tratto della sponda piemontese del Lago Maggiore è compreso tra Belgirate e Castelletto Ticino, ed è caratterizzato dalla presenza di diversi luoghi di interesse artistico e culturale: la chiesa romanica di Santa Maria di Belgirate è una architettura risalente al XII secolo, mentre a Massimo Visconti, al culmine di una via panoramica, sorge il Santuario di San Salvatore circondato da alberi di faggio e betulle. Arona, nella parte più a nord del Lago Maggiore fu la sede principale dei domini territoriali dei Borromeo. Un panorama mozzafiato si gode in cima al Colosso di San Carlo, una imponente opera, alta circa 25 metri, raffigurante il cardinale San Carlo Borromeo. La Fortezza di Castello Torriani è il gioiello di Castelletto Ticino: il castello fu eretto in epoca medievale e fu abitato dalle famiglie Torriani e Visconti.

Sulla sponda lombarda del Lago Maggiore sono affacciate le città di Sesto Calende, Angera, Santa Caterina del Sasso, Laveno, Luino e Maccagno, ognuna con le peculiarità naturalistiche e architettoniche che danno fascino alle città lacustri. Tra le meraviglie storiche della sponda lombarda del Lago Maggiore la Rocca di Angera, è una delle più importanti testimonianze medievali ancora oggi ben conservata così come l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, uno splendido monastero risalente al XIV secolo a strapiombo sulle acque del lago.

Il Lago Maggiore è stata una delle mete preferite delle famiglie aristocratiche italiane che vi hanno eretto ville e castelli. Lungo tutto il perimetro del lago, come si è scritto, è tutto un pullulare di capolavori dell'architettura civile riferibile e diversi periodi storici o stili. Il Golfo Borromeo è il massimo rappresentante di questa strepitosa edilizia. Si ricordano Villa Fedora di Baveno e la bellissima Villa Aminta di Stresa divenuta un hotel di lusso. A Verbania Pallanza si trova Villa Giulia divenuta sede espositiva al pari di Villa Ponti ad AronaVerbania annovera inoltre Villa S. Remigio, Villa Giulia e Villa Taranto, i cui giardini sono tra i più famosi e frequentati d’Europa grazie alle suggestive scenografie floreali che li caratterizzano. Davanti a Stresa, nel cuore del Golfo, le tre Isole Borromee (Isola Bella, Isola Madre, Rocca Borromeo) creano una cornice suggestiva, dal fascino senza tempo. Risalendo le colline che circondano Verbania, si scoprono decine di piccoli borghi, con caratteristiche tipiche dei paesi di montagna con vista panoramica sul Golfo Borromeo e sulle sue isole. Da queste alture ha inizio poi il Parco Nazionale della Val Grande: la più grande area wilderness dell'intero arco alpino.

Naturalmente anche il Lago maggiore è stato fonte d'ispirazione per numerosi artisti. Primo fra tutti Ernest Hemingway che nel celebre “Addio alle Armi” descrive minuziosamente la zona dell'Alto Lago Maggiore e  Charles Dickens che destina all'Isola Bella molti elogi letterari. Noti gli eventi letterari che si tengono in queste bellissime zone: il Premio Stresa di Narrativa, importante premio letterario fondato nel 1976, Editoria & Giardini di Verbania, punto di riferimento per gli amanti della botanica e della letteratura correlata e poi ancora LetterAltura (www.letteraltura.it) festival della letteratura di montagna, viaggio e avventura o il Festival del Racconto di Varese. L’Ossola poi ospita ogni anno La Fabbrica di Carta, il più illustre salone del libro del territorio dove la letteratura locale incontra ogni anno un grande riscontro di pubblico.

Non dimentichiamo gli appassionati del gusto e della buona tavola. Il Lago Maggiore offre infatti una ricca tradizione enogastronomica che va dai formaggi degli alpeggi alla lavorazione delle carni in squisiti salumi. La produzione del miele è uno dei vanti della zona così come la tradizione legata alla preparazione di golosissimi dolci. Anche il vino ha il suo ruolo di rilievo e si accompagna alle diverse proposte culinarie del territorio che dalle dolci colline del novarese, alle acque del Lago Maggiore spaziano fino alle alte vallate dell'Ossola.

B&B SUL LAGO MAGGIORE

B&B SUL LAGO D'ORTA

SEZIONE LAGHI

Pubblicato il 30 Maggio 2012
Una vacanza in Bed and Breakfast è il modo più intimo e confortevole per conoscere l'Italia
(Vedi lo Spot Video del B&B) - È possibile che fra gli iscritti al portale www.bed-and-breakfast.it ci siano strutture che non sono dei bed & breakfast puri (affittacamere, locande, agriturismo, case vacanza, affitti turistici, family hotel). Se, infatti, i limiti legislativi del b&b sono chiari, molte persone amano viaggiare in strutture gestite familiarmente anche se queste non possono, legislativamente parlando, fregiarsi del titolo di b&b. Per ogni struttura è indicata la tipologia che, se cliccata, indica esattamente quali sono le sue caratteristiche.
Bed-and-Breakfast.it rispetta lo standard PCI-DSS per i servizi di Prenotazione Alberghiera / Accomodation Reservation - Payment Card Industry Data Security Standard v.3.2, Service Provider Level 2
Realizzazione: Studio Scivoletto - P.Iva 01194800882
L'accesso o l'utilizzo di questo sito è subordinato all'accettazione dei Termini del servizio, Informativa sulla Privacy e Cookie Policy
Inserisci la tua struttura
Scarica la nostra app per smartphone:
Appstore
Google Play