You are viewing the website in Italian. Switch to English.
Dove vuoi andare?
Ospiti e camere
...
IT | Cambia lingua Preferiti vicino a me
Regioni Località turistiche Punti d'interesse Offerte Last Minute
B&B Day
primo weekend di marzo
Settimana del Baratto
terza settimana di novembre
BarattoBB
baratto tutto l'anno in B&B
BB25
25 Euro tutto l'anno
B&B Card
richiedila gratis
Come aprire un B&B Mondo B&B Blog Magazine Turismo Speciali Eventi Fiere Punti d'interesse Suggerisci un evento Suggerisci un punto d'interesse Tesi universitarie sul B&B
(Guadagna 100 Euro)
Scopri i B&B migliori B&B Europa
FAQ e contatti Note legali, Cookie Policy, Privacy Area Riservata Gestori Inserisci la tua struttura
Italiano English Français Deutsch Español

I B&B in Francia

I B&B in Francia

Il termine “chambre d'hôtes”, che in Francia sostituisce il comune B&B, trae origine nel IX secolo quando gli istituti religiosi offrivano ospitalità in alcune camere delle loro strutture.

È però negli anni '50 che la Francia, in seguito ai danni subiti dalla seconda guerra mondiale, studia soluzioni per vacanze a basso costo.

Al tempo stesso, il mondo agricolo doveva combattere contro l'esodo rurale conseguente allo sviluppo industriale, e molti edifici residenziali si liberano. È proprio nelle campagne infatti che nascono le prime “gîtes ruraux”.

Nel 1969 questo termine diventa di dominio pubblico, mentre il marchio “gîtes de France" viene registrato. Il loro sviluppo sarà incoraggiato dal Ministero dell'Agricoltura attraverso sovvenzioni destinate agli agricoltori.

Dagli anni '80 questa forma di ospitalità comincia a crescere esponenzialmente. L'autenticità dell'accoglienza e la valorizzazione dei territori ne favoriscono il successo, attirando clienti sia francesi che stranieri.

Nel 1999, le “gîtes de France" avevano 9.000 camere, e il loro successo corrispondeva alla nuova tendenza delle vacanze: soggiorni brevi, improvvisazione dell'ultimo minuto, con prenotazione diretta ai proprietari.

Le autorità pubbliche hanno cercato negli anni una definizione per questa formula di alloggio: una nota ministeriale del 2000 la definisce in successione come: “affitto a fini turistici di camere da parte di privati".

Organizzazioni professionali come “Fleurs de Soleil”, che ha 1.034 stanze etichettate, offrono una designazione d'uso che rientra nelle loro carte ed etichette. La loro definizione mantenuta è: "ricevimento nell'abitazione privata, notte e colazione fornite dall'ospite a un prezzo fisso".

Questa definizione è quindi il punto di partenza, dal febbraio 2004, di una riflessione condivisa tra la direzione del turismo e il presidente di “Fleurs de Soleil”. Questo dibattito genera diverse domande: aprire una stanza per gli ospiti cosa implica? Quali sono le condizioni da rispettare?

Legalmente, gli operatori delle pensioni non erano soggetti a uno status professionale specifico. Chiunque poteva aprire una stanza nella propria casa o appartamento in qualsiasi momento e non vi era alcun controllo di qualità, tuttavia c'erano già alcune normative raccomandate.

I B&B in Francia - Foto 1

Il locatore non può rifiutare di affittare una sola notte e non ha il diritto di imporre un soggiorno minimo. Il cliente ha accesso a un bagno e un WC, ma la legge non dice che sono privati, anche se la tendenza è ora quella di avere bagni privati ​​adiacenti alla camera. Il numero di camere è limitato a 5 per alloggio turistico e 15 persone alloggiate. Il proprietario di un B&B può anche offrire ai suoi ospiti il “​​table d'hôtes”, un pasto preso insieme al tavolo della famiglia, di solito la sera.

In Francia, il settore dei B&B comprende circa 60.000 camere in oltre 20.000 case e in molti comuni sono l'unica forma di alloggio commerciale. Per commercializzare le loro camere, alcuni proprietari scelgono di aderire a un'etichetta: le più note sono Gîtes de France, Clévacances, Fleurs de Soleil, Accueil Paysan, Bienvenue au Château. Ce ne sono altre nazionali o regionali. Tuttavia, non esiste una classificazione a stelle nazionale.

La soluzione di aprire una “chambre d'hôtes”, per guadagnare da casa propria, sta attirando sempre più francesi, vista la popolarità di questa scelta di alloggio da parte dei vacanzieri.

Diversi criteri devono essere soddisfatti per ottenere tale designazione.

La camera deve: essere arredata e avere servizi igienici completi; essere affittata per una o più notti; offrire servizi come la colazione; rispettare le normative vigenti (igiene, sicurezza e salute); avere un servizio di pulizia e biancheria senza costi aggiuntivi per i clienti; prevedere l'accoglienza da parte dei proprietari.

Quando la creazione di pensioni è un'attività a sé stante è necessario fare una dichiarazione preliminare al municipio e registrarsi presso il registro delle imprese (RCS) e alla Camera di commercio. Per quanto riguarda le imposte, è necessario dichiarare l'imposta sul reddito nella categoria degli utili industriali e commerciali nell'ambito di uno dei suoi regimi.

L'attività del B&B è soggetta all'IVA del 10% e al 20% per le bevande alcoliche per coloro che possiedono una licenza. I prezzi della camera comprendono il pernottamento, la colazione per due persone e l'eventuale tassa di soggiorno istituita dal comune. Come per tutte le forme di alloggio, ci sono tutti i livelli di prezzo a seconda della posizione, del livello di comfort, della regione, dei servizi offerti o persino della presenza di una piscina.

Si possono trovare camere da 40€ a 150€, o anche 250€ a notte, colazione inclusa. A volte ci sono sconti per soggiorni di più notti o in bassa stagione. Il prezzo del “table d'hôtes” varia ampiamente da una casa all'altra a seconda del menu standard offerto. Il prezzo del pasto è quello di un menu all inclusive per persona, ma il proprietario delle pensioni può offrire menu durante la settimana a prezzi diversi, se desidera ad esempio preparare una cena gourmet.

Con le sue 60.000 camere, la Francia ha sviluppato un'offerta turistica ricca e originale concentrandosi su alloggi in famiglia.

Nel corso degli anni questi alloggi sono diventati più professionali, giocando sull'arredamento, l'ospitalità e quei piccoli extra che, dalla piscina alla marmellata fatta in casa, fanno la differenza. Al punto, per alcuni, di offrire una vera alternativa agli hotel di lusso.

Molti proprietari di B&B hanno anche usato Internet per aumentare la loro notorietà in tutto il mondo e offrire un'esperienza originale e autentica di vita francese. In questa dinamica di conquista, le piattaforme di intermediazione digitale svolgono ora un ruolo essenziale, in particolare con i clienti stranieri.

Le offerte tematiche (escursionismo, enoturismo, benessere, ecc.) consentono a tutti di trovare un alloggio in base ai loro desideri e alle esperienze che desiderano vivere sul posto. "Condividiamo momenti unici": questo è lo slogan della nuova campagna di comunicazione di “Gîtes de France”, determinata a difendere la specificità dei B&B francesi.