...
Home Speciali B&B world Rapporto B&B Italia 2016 - Qualità e flessibilità
Rapporto B&B Italia 2016 - Qualità e flessibilità

Rapporto B&B Italia 2016 - Qualità e flessibilità

Categoria
B&B world

UBICAZIONE, TIPOLOGIA E NUMERO DI CAMERE

Per quanto riguarda la distribuzione dei bed and breakfast in Italia, rispetto al 2007, le strutture aumentano del 12% al Nord (dal 34% al 46%) e diminuiscono del 10% nelle Isole (dal 21% all’11%) e del 3,6% al Sud (dal 18,28% del 2007 al 14,66% del 2016). Aumentano invece di poco, l’1,6%, al Centro.

L’unica spiegazione possibile a questo calo può essere rintracciata, a nostro parere, nella grave discontinuità territoriale di cui soffrono Sicilia e Sardegna. Le due Isole non sono collegate a dovere non tanto con il resto del mondo, ma con l’Italia stessa. Le tariffe dei voli aerei sono spesso proibitive e senza alcun controllo; le linee ferroviarie ante-guerra, le autostrade inesistenti in Sardegna e di difficile percorrenza per raggiungere la Sicilia. Il sistema dei traghetti è un’alternativa in molti casi scomoda.

Area geografica - Rapporto 2016

La percentuale dei B&B che si trovano in zone di campagna diminuisce dal 23% del 2007 al 19% del 2016, mentre il 18,26% delle strutture si trova località costiere e balneari. I B&B si trovano anche in montagna con un 5,5% e sui laghi con un 3,7% di presenze. Il 54% di loro si divide equamente fra grandi centri urbani, città di medie e piccole dimensioni e borghi. In sostanza, la copertura dei B&B in tutte le zone e località d’Italia è totale e uniforme.

Posizione - Rapporto 2016

Dal 2007 sono aumentati del 7% i B&B in condominio, grazie forse ad una recente sentenza della Cassazione che ha escluso che l'attività di bed and breakfast e affittacamere determini un mutamento delle destinazione d'uso degli immobili utilizzati come “civile abitazione” e implichi dunque conseguenze dannose per gli altri inquilini (sentenza 24707/14 del 20 novembre 2014). Per il restante 70% i B&B sono delle abitazioni indipendenti, ville e case rurali.

Tipo di abitazione - Rapporto 2016

I 25.000 B&B italiani mettono a disposizione circa 75.000 camere complessive, con una media di 3 camere per ogni B&B.

Quante camere ci sono - Rapporto 2016

APERTURA ANNUALE, NUMERO DI GESTORI E TIPOLOGIA DI B&B

Solo il 43% dei B&B rimane aperto tutto l’anno, mentre per il restante 57% c’è chi lavora solo in alcune stagioni, come nel caso delle strutture in località balneare (15,55%) e chi ha dei periodi di chiusura obbligatori per rispettare il criterio di saltuarietà (41,32%).

Stagionale - Rapporto 2016

Il 75% dei gestori vive nel B&B.

I gestori vivono nel B&B - Rapporto 2016

Il 50% dei B&B è gestito da una sola persona, mentre l’attività ricettiva viene gestita da due persone nel 42% dei casi. Raramente un B&B è gestito da più di 2 persone.

Quante persone gestiscono il B&B - Rapporto 2016

Queste percentuali ci permettono di stimare un numero di 40.000 persone che “vivono di B&B” in Italia, ciascuna delle quali percepisce mediamente un “compenso” lordo annuo (da cui bisognerà togliere le spese) variabile da 6.000 a 7.500 Euro.

È per questo che possiamo dire che sono ben rari i casi in cui ci si arricchisce con il B&B. Il B&B è un modo per affrontare le spese di casa, soprattutto se si ha un mutuo, o per mettere a reddito un immobile di famiglia. Allo stesso tempo, uno dei motivi principali per cui si apre un B&B è la passione per l’ospitalità: accogliere il mondo a casa propria.

PREZZI E PERNOTTAMENTI VENDUTI

I prezzi dei B&B si differenziano fra alta e bassa stagione nel 63% dei casi. Il 37% dei gestori, invece, mantiene un prezzo fisso tutto l’anno.

Tariffe differenziate - Rapporto 2016

Per quanto riguarda le tariffe praticate dai B&B italiani il prezzo medio di una notte per persona oscilla tra i 25 e 35 Euro nel quasi 70% dei casi. Nel 20% dei casi è addirittura inferiore a 25 Euro, mentre è inferiore a 30 Euro nel 46% dei casi. Solo nel 30% dei casi è superiore a 35 Euro.

Il prezzo medio a persona per notte oscilla fra i 32 e i 35 Euro, e nel 94% dei casi la colazione compresa nel prezzo.

Stimiamo che i 25.000 B&B italiani vendano un numero di pernottamenti totali compreso fra 7,35 e 8,6 milioni all’anno (1 persona per 1 notte = 1 pernottamento) che moltiplicati per un prezzo medio a persona variabile fra 32 e 35 Euro generano un fatturato annuo medio di circa 270  milioni di Euro (* la stima è variabile fra 240 e 300 milioni).

1 pernottamento = 1 persona che dorme una notte

Una vacanza in Bed and Breakfast è il modo più intimo e confortevole per conoscere l'Italia
(Vedi lo Spot Video del B&B) - È possibile che fra gli iscritti al portale www.bed-and-breakfast.it ci siano strutture che non sono dei bed & breakfast puri (affittacamere, locande, agriturismo, case vacanza, affitti turistici, family hotel). Se, infatti, i limiti legislativi del b&b sono chiari, molte persone amano viaggiare in strutture gestite familiarmente anche se queste non possono, legislativamente parlando, fregiarsi del titolo di b&b. Per ogni struttura è indicata la tipologia che, se cliccata, indica esattamente quali sono le sue caratteristiche.
Bed-and-Breakfast.it rispetta lo standard PCI-DSS per i servizi di Prenotazione Alberghiera / Accomodation Reservation - Payment Card Industry Data Security Standard v.3.2, Service Provider Level 2
Realizzazione: Studio Scivoletto - P.Iva 01194800882
L'accesso o l'utilizzo di questo sito è subordinato all'accettazione dei Termini del servizio, Informativa sulla Privacy e Cookie Policy
Aggiungi B&B
Scarica la nostra app per smartphone:
Appstore
Google Play