You are viewing the website in Italian. Switch to English.
Dove vuoi andare?
Ospiti e camere
...
IT | Cambia lingua Preferiti Vicino a me Inserisci la tua struttura
Regioni Località turistiche Punti d'interesse Offerte Last Minute
B&B Day
primo weekend di marzo
Settimana del Baratto
terza settimana di novembre
BarattoBB
baratto tutto l'anno in B&B
BB25
25 Euro tutto l'anno
B&B Card
richiedila gratis
Come aprire un B&B Mondo B&B Blog Magazine Turismo Speciali Eventi Fiere Punti d'interesse Suggerisci un evento Suggerisci un punto d'interesse Tesi universitarie sul B&B
(Guadagna 100 Euro)
Scopri i B&B migliori B&B Europa
FAQ e contatti Note legali, Cookie Policy, Privacy Area Riservata Gestori
Italiano English Français Deutsch Español
Antonio Canova

Antonio Canova

  • Treviso
  • 14 mag 2022 / 25 set 2022
  • Dove: Museo Bailo - Treviso (TV)
  • Arte

Con la braccia spalancate al cielo a implorare pietà al cospetto del padre morto, le figlie di Priamo condividono il loro dolore con la sposa del re di Troia, svenuta e a stento sorretta, simile a una Vergine ai piedi della Croce.

Poco distanti da queste protagoniste di un sublime tragico che trova nello scalpello di Antonio Canova la sua più alta rappresentazione, sono i figli di Alcinoo che celebrano invece la vita abbandonandosi a una gioiosa danza.

Queste figure, al centro dei due episodi ispirati alle vicende della guerra di Troia e all’epopea di Ulisse, attingendo all’Odissea e al II libro dell’Eneide, sfilano in due bassorilievi in gesso, ospiti attesi della grande mostra che porta a Treviso la gloria trevigiana di Canova, dalla bellezza classica all’annuncio romantico.

La grande retrospettiva introduce alla sezione del muovo Museo Bailo tutta riservata all’Ottocento.

Accanto a questi capolavori, oltre 150 opere cuciono il percorso in 11 sezioni che pongono l’attenzione sulla relazione, tanto profonda quanto inedita, che legò Canova a Treviso.

È a Treviso che si origina il mito dell’artista di Possagno, come anche la riscoperta critica della sua opera, a partire dalla leggenda, maturata in alcuni ambienti, del bambino prodigio che, ad Asolo, in casa Falier, avrebbe inventato su due piedi, da un pezzo di burro, una scultura a forma di leone.

Inserito da: Redazione di bed-and-breakfast.it | Segnala un evento