Collegati con Facebook
(Consigliato)

oppure
Non hai un account? Iscriviti
Home Magazine Blog Turismo L'Italia dei Presepi. Alcune idee per le feste di Natale
L'Italia dei Presepi. Alcune idee per le feste di Natale

L'Italia dei Presepi. Alcune idee per le feste di Natale

Pubblicato il
12 dicembre 2014
Categoria
Feste e Sagre

Sotto Natale l'Italia si trasforma in un grande presepe.

Statico o vivente il presepe è una delle tradizioni più sentite nel nostro Paese dove nacque nel 1223 quando San Francesco d'Assisi realizzò a Greccio la prima rappresentazione vivente della Natività riprendendo i versetti dei Vangeli di Matteo e Luca: “Maria diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia perché non c'era per loro posto nell'albergo”.

Con la diffusione del Cristianesimo si propagò la tradizione di allestire il presepe nel periodo natalizio ricostruendone anche l'ambientazione fatta di grotte e tipiche botteghe artigiane. Oltre al presepe vivente di Greccio il primo presepe scolpito di cui si ha notizia è quello conservato nella Basilica di Santo Stefano di Bologna.

Nel corso del XIV e del XV secolo il presepe ebbe un notevole impulso grazie all'opera di maestri dell'epoca: da Giotto a Botticelli, da Luca della Robbia a Piero della Francesca. Ben presto il gruppo simbolico del presepe fu acquisito a tutti i livelli, prima nelle famiglie aristocratiche poi in quelle più umili e, in Italia i presepi si cominciarono a differenziare sulla base delle tipicità artigianali regionali.

Il presepe bolognese ad esempio può vantare una tradizione plurisecolare che risale al XIII secolo. Si distingue da altre tradizioni presepistiche italiane perché i personaggi sono scolpiti o modellati per intero, abiti compresi. Non si tratta quindi di statue vestite, né di figurini con volto e mani di legno o ceramica e abiti di stoffa. Vari materiali possono essere impiegati, dalla terracotta alla cartapesta, dal legno al gesso, a seconda delle capacità dell'artista o dell'artigiano, del metodo di produzione e della clientela a cui è destinata la figura.

Il presepe napoletano, o partenopeo, si caratterizza invece per la costruzione di pastori in terracotta. Il presepe pugliese utilizza la cartapesta, il presepe siciliano è realizzato con l'aggiunta di prodotti dell'isola come rami d'arancio e di mandarino sui quali possono essere posizionati anche coralli, alabastro e madreperla.

Se volete organizzare un tour italiano alla scoperta della tradizione del presepe ecco qualche suggerimento.

A Poffabro in Friuli Venezia Giulia ogni anno la Natività si mette in mostra con presepi che si affacciano ai davanzali delle finestre, che popolano i cortili e gli angoli delle strade. Molti sono realizzati con materiali inediti e Natale è l'occasione per scoprire questo incantevole paesino delle prealpi carniche.

Dal 13 dicembre all'11 gennaio a Longiano (FC) si potranno ammirare più di ottanta rappresentazioni della Natività collocate in quaranta punti-presepe. Musei, chiese, piazze, abitazioni private, giardini pubblici ospiteranno le rappresentazioni del Natale sia tradizionali che interpretate da artisti a partire dal grande presepe meccanico del Convento del SS. Crocifisso fino agli originali presepi d'autore al Castello Malatestiano e alla chiesetta di Santa Maria di Massa.

A Rimini tornano i Presepi di Sabbia che riproducono a grandezza naturale i personaggi della Natività e a Cesenatico si può ammirare l'unico presepe galleggiante al mondo. Dalla sabbia al ghiaccio il passo è breve: in Umbria, a Massa Martana, viene realizzato un incredibile presepe di ghiaccio di 16 metri quadrati e composto da statue a grandezza naturale. Il tour del presepe è perfetto da accompagnare alla visita dei Mercatini di Natale della regione.

Tantissima attesa per il Presepe vivente tra i Sassi di Matera. Le grotte della Capitale della Cultura Europea si animeranno con scene tratte dal Vangelo, antichi mestieri, animali da cortile e naturalmente la Natività. La Sicilia offre tanto a chi ama i presepi: ci sono quelli all'interno dei palazzi nobiliari, preziose ricostruzioni all'interno delle chiese realizzate dalla mano di validi artisti e c'è la rassegna di presepi di Bronte, la città del pistacchio, con Natività provenienti da tutto il mondo.

Ispica,il presepe vivente, giunto alla 17^ edizione, viene realizzato nel magnifico scenario della zona archeologica e in parte del centro storico della città. Circa 50 gli antichi mestieri che prenderanno vita tra le grotte del bellissimo panorama naturale, accompagnati da un team di attori professionisti pronti a portare in scena le piccole vicende di vita quotidiana narrando quella che rappresenta la storia più affascinante di tutti tempi, la nascita di Gesù Bambino

La Sardegna ha tra i protagonisti del Natale il Presepe di Olmedo realizzato in pasta di pane dalle abili mani delle donne panificatrici e con personaggi che indossano i tipici costumi sardi. In Liguria, a Ranzo in provincia di Imperia, il presepe vivente è composto solo da bambini. Sempre in Liguria, ad Acquasanta in provincia di Genova viene allestito un presepe vivente barocco nel contesto scenografico del piccolo borgo seicentesco. Manarola (Cinque terre) è la città del Presepe più grande del mondo: si tratta di un "presepe di luce"  ideato dal signor Mario Andreoli che dal 1976 ha dedicato la sua vita alla realizzazione di un'opera unica nel suo genere. Nel 2007 il presepe è stato inaugurato ed è entrato a far parte del Guinnes dei Primati. Per realizzarlo sono stati utilizzati 8 km di cavi elettrici, 17000 lampadine e 300 figurini a grandezza naturale fatti con materiali inuilizzati o riciclati.

Una vacanza in Bed and Breakfast è il modo più intimo e confortevole per conoscere l'Italia
(Vedi lo Spot Video del B&B) - È possibile che fra gli iscritti al portale www.bed-and-breakfast.it ci siano strutture che non sono dei bed & breakfast puri (affittacamere, locande, agriturismo, case vacanza, affitti turistici, family hotel). Se, infatti, i limiti legislativi del b&b sono chiari, molte persone amano viaggiare in strutture gestite familiarmente anche se queste non possono, legislativamente parlando, fregiarsi del titolo di b&b. Per ogni struttura è indicata la tipologia che, se cliccata, indica esattamente quali sono le sue caratteristiche.
Realizzazione: Studio Scivoletto - P.Iva 01194800882
L'utilizzo di questo sito implica la lettura e l'accettazione delle nostre Note Legali e Informativa sulla Privacy
Aggiungi il tuo B&B
Scarica la nostra app per smartphone:
Appstore Android